1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Report

Homepage > Report » AgriMercati » 2020 » Marzo 2020

Contenuto della pagina

Report - Speciale Emergenza COVID-19 - n. 1

Emergenza COVID-19

Rapporto sulla domanda e l'offerta dei prodotti alimentari nelle prime settimane di diffusione del virus

Roma, 30 marzo 2020 - All'indomani delle misure restrittive adottate dal Governo italiano in risposta all'epidemia di Covid-19, l'ISMEA ha tempestivamente avviato un monitoraggio delle filiere agroalimentari, analizzando l'evoluzione delle principali variabili dei mercati nelle diverse fasi di scambio (origine, ingrosso e dettaglio).

Il rapporto Ŕ articolato in un'analisi dei trend dei consumi delle famiglie italiane, un'analisi di dettaglio sulla situazione di mercato e dei prezzi di tutte le filiere  agroalimentari e riporta i primi risultati di un'indagine ad hoc sviluppata in questi giorni su un panel di imprese agricole e alimentari. L'analisi restituisce l'immagine di un settore che, con l'eccezione rappresentate dal florovivaismo e dalla pesca,  risente meno della situazione di crisi e, pure nella necessitÓ di affrontare numerose criticitÓ, Ŕ ancora sotto controllo in termini di tenuta e capacitÓ di garantire l'approvvigionamento dei mercati finali. Tuttavia, la veloce evoluzione del contesto, anche a livello internazionale, potrebbe rapidamente mutare gli scenari in cui stanno operando i settori. GiÓ rispetto alle prime settimane di crisi analizzate nel Rapporto, la situazione complessiva Ŕ mutata in maniera anche radicale. La progressiva chiusura del canale Horeca, non solo a livello nazionale ma anche internazionale, ad esempio, ha sottratto un canale di sbocco importantissimo per i prodotti di posizionamento alto e medio-alto (per esempio vino o formaggi) e che assorbe percentuali rilevanti dei flussi complessivi di export. In ottica prospettica potrebbero poi palesarsi ulteriori difficoltÓ. Nelle imprese comincia a essere problematica la carenza di manodopera, a cui si aggiungono criticitÓ a livello di logistica e trasporti. Inoltre la paventata chiusura delle frontiere di alcuni Paesi esteri potrebbe causare problemi per l'approvvigionamento di materie prime da trasformare o di prodotti finiti per il quale il nostro Paese non Ŕ autosufficiente.

 
 

Altri AgrOsserva disponibili