1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Olio d'oliva

Homepage » Olio d'oliva » News e report » Tendenze » 2020 » n.2/2020

Contenuto della pagina

Tendenze - Olio di oliva

n.2/2020 - Dicembre 2020

Tendenze e dinamiche recenti

Le stime del COI (Consiglio Oleicolo Internazionale) per la campagna 2020/21 attestano la produzione mondiale di olio di oliva a 3,3 milioni di tonnellate, il 3% in pi¨ rispetto alla precedente. 
Per il principale player mondiale, la Spagna, si prevede un'annata buona ma non all'altezza delle aspettative di qualche mese fa a causa della mancanza di piogge. Le ultime stime provenienti da Madrid e diffuse dalla Ue indicano la produzione a circa 1,6 milioni di tonnellate, comunque il 42 per cento in pi¨ rispetto alla scarsa annata 2019. Per la Grecia, invece, la produzione della campagna in corso, stimata a 265 mila tonnellate Ŕ di poco inferiore a quella dello scorso anno (-4%), mentre per il Portogallo la flessione Ŕ pi¨ sensibile (-29%). Fuori dai confini comunitari Ŕ la Tunisia che, con appena 120 mila tonnellate previste, dimezza i volumi dell'anno precedente, mentre la Turchia dovrebbe confermare i livelli della campagna scorsa. Stando a queste prime stime del COI, quindi, la Ue dovrebbe produrre poco pi¨ di 2,3 milioni di tonnellate, il 19% in pi¨ sullo scorso anno, mentre la produzione dei paesi extra Ue, con meno di un milione di tonnellate, dovrebbe diminuire del 22%.
Per l'Italia, come preannunciato nelle scorse settimane, secondo l'aggiornamento previsionale elaborato dall'Ismea e Unaprol, la produzione della campagna 2020/21 dovrebbe attestarsi a 255 mila tonnellate, con una riduzione del 30% sullo scorso anno.

 

Ultimi rapporti pubblicati