1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Cereali

Homepage > Seminativi » Cereali » News e report » Ultime dal settore » 2021 » I costi di produzione, essiccazione e stoccaggio del mais

Contenuto della pagina

Seminativi - Ultime dal settore

I costi di produzione, essiccazione e stoccaggio del mais

Roma, 22 gennaio 2021

Il presente lavoro si pone l'obiettivo di definire i costi di produzione del mais, facendo riferimento alle realtÓ territoriali pi¨ rappresentative per la coltura. Tali indicazioni, oltre a valutare la sostenibilitÓ economica della coltivazione del mais, acquisiscono una maggiore valenza se valutate nell'ottica di favorire la trasparenza del mercato e fornire riferimenti utili per la definizione dei contratti di coltivazione. 
Contemporaneamente all'indagine sui costi agricoli di produzione, Ismea ha condotto una analisi dei costi sostenuti dai centri di stoccaggio che provvedono alla essiccazione e stoccaggio della granella. Infatti, la granella di mais non pu˛ essere venduta tal quale subito dopo la raccolta ma deve essere essiccata per ridurre il tenore di umiditÓ a valori inferiori al 14% e garantire la conservazione per lunghi periodi.

La coltivazione del mais da granella in Italia si Ŕ fortemente ridimensionata; le superfici investite, infatti, sono scese da 1,06 milioni di ettari nel 2000 a 629 mila ettari nel 2019 (-431 mila ettari), la produzione Ŕ passata nello stesso periodo da 10 milioni di tonnellate a 6,2 milioni di tonnellate (-3,7 milioni di tonnellate). Contemporaneamente, le importazioni sono progressivamente aumentate raggiungendo 6,4 milioni di tonnellate nel 2019 mentre nel 2000 si attestavano a poco pi¨ di 500 mila tonnellate. Infatti, il tasso di autoapprovvigionamento era prossimo al 100% nel 2000, per poi ridursi costantemente negli anni attestandosi al 50% nel 2019. 

 
 

 

Ultime dal settore