Carne bovina - Ultime dal settore

Cala la produzione di carne bovina nel 2012

Roma, 8 marzo 2013

La minore presenza di carne bovina nella borsa della spesa delle famiglie italiane ha significativamente inciso sulle dinamiche produttive del comparto anche nel 2012. Dopo la contrazione già registrata nell'anno precedente - secondo i dati Istat - il 2012 è stato, infatti, caratterizzato da una generalizzata flessione dell'offerta di carne bovina (-4,3% in peso morto). Le riduzioni produttive più significative si sono rilevate per la categoria dei vitelloni (-5,3% in complesso), interessando esclusivamente i capi maschi.
Anche per i vitelli la contrazione delle macellazioni è stata decisa (-4,7%). Per le altre categorie meno pregiate, la tendenza negli acquisti domestici verso carni a basso costo ha fatto registrare un aumento della produzione, come nel caso delle vacche di fine carriera (+2,7% peso morto).
La produzione di carne bovina è complessivamente diminuita soprattutto in conseguenza della sensibile contrazione delle importazioni di capi vivi sia da allevamento sia da macello (in totale -19% nei primi undici mesi del 2012); in calo anche l'import di carni fresche e refrigerate (-7% nel periodo gennaio-novembre).

 
Consulta i dati Istat sulle macellazioni di carni rosse nel 2012.
 

Ultime dal settore

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito