Olio d'oliva - Ultime dal settore

Volano i listini dell'olio d'oliva italiano

Roma, 22 ottobre 2014

Le attese di una campagna produttiva in flessione per i due principali player mondiali Italia e Spagna stanno facendo lievitare i listini nazionali degli oli vergini ed extravergini.
In base alle rilevazioni dell'Ismea, nella terza settimana di ottobre, l'extravergine si è attestato mediamente a 4,14 euro al chilo (+40%  su base annua e +2,7% rispetto alla settimana precedente), raggiungendo uno dei valori più elevati degli ultimi 10 anni.

A determinare i rincari sono state soprattutto le piazze viterbesi, dove il prodotto ha toccato quota 7,20 euro al chilo, maturando una crescita del 24% in soli sette giorni e quelle del trapanese con prezzi compresi tra i  4,70 €/kg del prodotto non Dop e 4,90 €/kg per la Dop Vali trapanesi (+23,7% sulla seconda settimana di ottobre).  Un andamento sostenuto ha interessato anche i principali areali produttivi della Calabria, che hanno fatto segnare aumenti del 2,5% su base congiunturale e del 15% su base tendenziale.

Listini in crescita di oltre due punti percentuali anche per i vergini, che si sono attestati mediamente a 2,63 Euro al Kg (+14% sul 2013), mentre risultano in flessione (-2%) su base settimanale i lampanti ( +6% il confronto annuale).

Alla vivace domanda italiana, sottolinea l'Ismea, si contrappone una situazione di stallo sul mercato iberico, con listini ancora depressi, nonostante sia ormai acclarato un calo produttivo considerevole rispetto alla campagna precedente.

Vai alla nota di mercato .
 

Ultime dal settore

  1. 10/04/2020 Olio di oliva: Ismea aggiorna le stime di produzione 
  2. 02/12/2019 Olio di oliva: +84% la produzione quest'anno.
  3. 05/09/2019 Olive da mensa
  4. 29/01/2019 Ismea, produzione di olio di oliva ai minimi storici in Italia
  5. 08/10/2018 Olio d'oliva: previsioni di flessione per la campagna 2018/19
 
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito