1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Agroalimentare

Homepage » Agroalimentare » Ultime dal settore » 2015 » L'Overview sui mercati agroalimentari

Contenuto della pagina

Agroalimentare - Ultime dal settore

L'Overview sui mercati agroalimentari

Roma,á16 marzo 2015

L'approssimarsi delle festivitÓ pasquali ma anche le incertezze sugli sviluppi climatici delle prossime settimane sono i due fattori che stanno avendo in questa fase i maggiori impatti sui mercati agroalimentari. Lo rivela l'Ismea nell'Overview di questa settimana che si prospetta ancora positiva per le fragole, prodotto in questo momento di punta sia per la buona qualitÓ, confermata nelle diverse zone di produzione, sia per la domanda che si prevede in ulteriore miglioramento. Per le pere, in previsione di una graduale sostituzione dell'offerta dell'emisfero Nord con quella dei Paesi subequatoriali, il collocamento procede in Italia con una certa rapiditÓ e gli operatori sembrano orientati a smaltire velocemente le quote residue di prodotto, riservando una minore attenzione al prezzo. Il mercato appare comunque fluido sul fronte della domanda, ma leggermente pi¨ ingessato per le mele, che tuttavia sembrano beneficiare di una discreta attivitÓ di vendita all'estero, soprattutto in Germania e nei Paesi scandinavi. Finale di campagna piuttosto complesso per i kiwi che, a fronte di problemi di conservazione rilevati su una quota di prodotto stoccato, stanno accusando qualche cedimento in una politica di rapido smaltimento delle scorte. Prezzi ancora elevati per gli asparagi che manterranno ancora un andamento positivo questa settimana; per fagiolini e carote siciliani, le contrattazioni, in questa fase di esordio, stanno invece avvenendo a prezzi inferiori a quelli della scorsa annata.

Per gli oli di oliva Ŕ probabile qualche correzione al ribasso per gli extravergine, sia di provenienza greca che spagnola. Sul fonte degli acquisti, si riscontra una stagionale riduzione degli ordinativi da parte dei confezionatori, mentre l'offerta, stando alle ultime stime di Madrid, non dovrebbe determinare in Spagna situazioni di squilibrio per mancanza di merce fino a fine campagna.

In relazione ai suini e agli ovicaprini saranno le prossime settimane a dare una pi¨ chiara direzione ai listini. La componente climatica appare tuttavia determinante per gli sviluppi dei consumi, soprattutto di tagli suini, con il comparto che non sembra ancora beneficiare delle misure comunitarie di aiuto allo stoccaggio privato. Mantengono un andamento positivo le carni avicole che potranno spuntare ulteriori aumenti di prezzo in previsione di una domanda vivace e di un'offerta non pressante. Il quadro mercantile sembra invece stabilizzarsi per le uova, mentre nel comparto bovino emerge ancora una forte incertezza degli operatori sulle possibili evoluzioni dei prezzi. La domanda Nord africana e turca sta sostenendo ancora le quotazioni dei capi da ristallo francesi, causando inasprimenti dei costi di approvvigionamento anche per gli allevatori italiani.

Per i lattiero-caseari i prezzi dovrebbero continuare a muoversi su un piano orizzontale in queste battute conclusive dell'ultima campagna commerciale con le quote latte. I dati sull'export 2014 di formaggi e latticini mostrano una crescita sia in quantitÓ (+3,3% su base annua) che in valore (+4,8%), grazie soprattutto al buon andamento delle vendite sul mercato tedesco e in diversi paesi dell'Est Europa.

Infine, per quanto riguarda i cereali, l'evoluzione degli scambi sembra confermare la debolezza di fondo sui mercati dei frumenti. Si segnalano in particolare correzioni al ribasso per i grani teneri di forza nord americani (varietÓ North-Spring e Manitoba) e una stabilitÓ, ma con attese di riduzione, per i grani duri, riconducibili a un rialzo delle stime sulle scorte canadesi e ad una ripresa degli investimenti del 6% in Canada e del 2,6% negli Stati Uniti (fonte Igc). In Italia il mercato ha giÓ in parte risentito di questa situazione che potrebbe ulteriormente condizionare i listini. Resta al contrario sostenuta l'attivitÓ sui mercati risicoli, che evidenziano prezzi al rialzo per gran parte delle varietÓ scambiate.

 
 

Ultime dal settore