1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Cereali

Homepage > Seminativi » Cereali » News e report » Ultime dal settore » 2015 » Sale la tensione sui mercati del grano duro

Contenuto della pagina

Cereali - Ultime dal settore

Sale la tensione sui mercati del grano duro

Roma, 9 luglio 2015

A condizionare i mercati le incertezze sugli esiti dei nuovi raccolti e il rischio-siccitÓ in Nord America.

In linea con le attese, ma con un impatto pi¨ significativo rispetto alle aspettative, i prezzi del grano duro nei principali centri di scambio nazionali hanno registrato questa settimana un'ulteriore correzione al rialzo che ha spinto le quotazioni del prodotto con contenuto proteico di almeno 12 punti sopra i 350 euro/tonnellata sulla piazza di Foggia.

Secondo l'Ismea la situazione che si Ŕ venuta a determinare sui mercati interni riflette le incertezze sugli esiti dei raccolti, con riduzioni di resa ormai accertate in Puglia, in alcune zone della Sicilia e nelle Marche. Ad alimentare le tensioni sono anche le notizie di una probabile correzione al ribasso delle stime iniziali sulla produzione canadese, in un'area, quella nordamericana, in cui le alte temperature e la siccitÓ potrebbero ripercuotersi negativamente sui rendimenti.

Riguardo alla qualitÓ dei nuovi raccolti prevalgono invece i giudizi positivi, dopo un'annata, quella trascorsa, che era stata invece caratterizzata in Italia da standard decisamente inferiori alla media.

In questa fase - spiega l'Istituto - gli scambi risultano ancora piuttosto limitati, a causa di un generale atteggiamento di attesa da parte dei venditori a raccolta ormai quasi conclusa in tutti i principali areali del Centro-Sud. I rincari stanno tra l'altro cogliendo di sorpresa gli utilizzatori, solitamente impegnati in questa fase a ricostituire le scorte.

Anche sui mercati internazionali il quadro appare piuttosto confuso. I prezzi di frumenti, mais e semi di soia hanno fatto segnare, recentemente, rincari significativi in risposta alle incertezze sugli sviluppi climatici e sui livelli delle scorte, in alcuni casi inferiori alle previsioni.

Tornando ai mercati interni, Ismea segnala sulla piazza di Foggia un rincaro su base settimanale di oltre il 9%. Aumenti analoghi, rispetto alla scorsa ottava, si registrano sul mercato di Milano, dove le ultime quotazioni della categoria "fino" spuntano incrementi di oltre il 12% se confrontate con i livelli di un anno fa.

 

Ultime dal settore