1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Fiori e piante

Homepage » Fiori e piante » News e report » Ultime dal settore » 2016 » San Valentino: vendite florovivaistiche limitate per la festa degli innamorati

Contenuto della pagina

Fiori e piante - Ultime dal settore

San Valentino nel Mondo Febbraio 2016

Roma, 15 febbraio 2016

San Valentino nel mondo - Vendite limitate per la Festa degli innamorati

San Valentino di domenica sarà stato redditizio o no per le aziende florovivaistiche? Nelle ultime settimane le opinioni sono state abbastanza differenti e, sia gli importatori sia gli acquirenti sono stati titubanti. Secondo un rapporto dell'Associazione dei grossisti gli esportatori olandesi non si aspettano vendite alte per questa festività. Jan de Boer di Barendsen, esportatore di Aalsmeer, si è detto cautamente ottimista e moderato sulle aspettative di vendita per la festa degli innamorati; infatti molti negozi di fiori in Olanda sono stati aperti domenica 14 febbraio per San Valentino e molti suoi clienti sono stati prudenti negli acquisti poiché hanno riesaminato altre precedenti festività di San Valentino capitate di domenica. Flowers Besteldienst Fleurop in Germania, il più grande mercato di esportazione olandese, ha preventivato un 20% in meno di vendite proprio per il fatto che la festività capita di domenica; alla rose rosse, colore dell'amore, i rivenditori che forniscono i grossisti, hanno affiancato molti altri tipi di fiori, come i tulipani. La maggior parte delle varietà era più costosa del solito ma non ha raggiunto i livelli migliori di san Valentino, ha affermato l'esportatore tedesco Koen Heyl. "I fine settimana non sono mai buoni per la vendita di rose; per esperienza sappiamo che martedì, mercoledì e giovedì sono i giorni migliori per la festa di San Valentino, poiché le persone sono al lavoro e ordinano o acquistano fiori da portare, mentre se la festa cade nel fine settimana la festeggiano andando a cena fuori o facendo qualcos'altro" - ha dichiarato in un articolo pubblicato su Floraldaily lo scorso novembre- Sebastian Padula di Josarflor, produttore ecuadoriano, che esporta rose in Europa e negli Stati Uniti. La società Gebr. Barnhoorn di Rijnsburg, specializzata in fiori, che esporta in Svizzera soprattutto tulipani (il 70% delle specie esportate sono tulipani) riferisce che i prezzi non sono stati eccessivi, nemmeno per le rose rosse extra lunghe mentre altri esportatori hanno detto che le specie destinate al mercato di San Valentino erano più costose del solito, ma non quanto ci si sarebbe aspettato per la settimana della festività. Iijnrijder Cees Heemskerk di Rijnsburg ha riferito che i suoi clienti hanno fatto ordini in linea con le sue previsioni ma hanno atteso gli ultimi giorni per effettuare gli acquisti, mentre Marcel Zandvliet del "Dutch Flower Group", ha definito non spettacolari gli eventi che riguardano la festa di San Valentino; i livelli dei prezzi ed i volumi di prodotto sono stati in linea con lo scorso anno e con i programmi aziendali. Uno scaltro esportatore francese ha anche affermato che la festività degli innamorati di domenica impedisce a molti uomini l'acquisto di fiori per altre donne, oltre la propria moglie o fidanzata. Per la maggior parte delle aziende esportatrici, mercoledì scorso è stato il giorno più attivo ed importante, mentre per i commercianti i prezzi delle aste sono stati ragionevoli per forniture corpose; alcune aziende hanno lamentato una scarsa qualità dei fiori invernali e quindi la maggior parte della scelta è ricaduta su prodotti di alta qualità. Anche negli Stati Uniti, le persone sono state dubbiose circa il giorno di San Valentino di quest'anno poiché è un luogo comune pensare che San Valentino nel weekend si traduce in vendite di fiori scarse; tuttavia il sondaggio condotto da floralmarketresearch suggerisce il contrario per il mercato statunitense poiché ha verificato che c'è un leggero aumento degli acquisti floreali, da parte dei consumatori, quando la festa cade nel fine settimana. La National Retail Federation (NRF) si aspetta di raggiungere un livello record di acquisti per la festività, ma non per i fiori; infatti la loro previsione di spesa prevede una diminuzione di vendite del 5,1% già dal 2015. "Nonostante il raggiungimento di un più elevato volume di vendite rispetto allo scorso anno, c'è stata una riduzione dei prezzi di circa il 10%", riporta Alejandro Martínez, presidente dell'Associazione dei Produttori ed esportatori di fiori (Expoflores).

Fonte
www.vgb.nl

 

Archivio notizie fiori e piante