1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Agrumi

Homepage > Ortofrutta » Agrumi » News e report » Ultime dal settore » 2017 » La filiera agrumicola italiana nel contesto competitivo globale

Contenuto della pagina

Agrumi - Presentazioni e documenti

La filiera agrumicola italiana nel contesto competitivo globale

Nella prima parte della presentazione viene esaminato il concetto di competitivitÓ ed il caso specifico della filiera agrumicola, distinguendo tre livelli di competitivitÓ: quella dell'impresa agricola, quella del territorio e quella dell'intera filiera o del Sistema Paese.
Dall'analisi emerge che i fattori che influenzano la competitivitÓ della filiera agrumicola italiana sono molto numerosi e che solo l'azione coordinata dei diversi soggetti (produttori, Coop, OP, Consorzi di Tutela, Distretto agrumicolo, industria, distribuzione ed Istituzioni regionali, nazionali ed europee) pu˛ rendere competitivo il comparto.

Nella seconda parte si analizza la filiera agrumicola nazionale, riportando i principali numeri del comparto ed evidenziando la stagionalitÓ di consumi ed importazioni.

Nella terza parte si focalizza l'attenzione sull'accordo di partenariato economico tra Unione europea e Paesi dell'Africa australe ed in particolare sulle importazioni di agrumi dalla Repubblica Sudafricana. 
Negli ultimi 18 anni, l'Unione europea ha importato in media 560mila tonnellate di agrumi all'anno dai Paesi dell'Africa australe, per lo pi¨ arance. La serie storica delle importazioni da questo Paese mostra un trend in continua crescita. Paesi Bassi e Regno Unito sono - per questi prodotti - i principali clienti della Repubblica Sudafricana.