1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Olio d'oliva

Homepage » Olio d'oliva » News e report » Ultime dal settore » 2019 » I consumatori italiani tra specialità locali e prodotti importati

Contenuto della pagina

Olive da mensa - Ultime dal settore

I consumatori italiani tra specialità locali e prodotti importati

Roma, 6 settembre 2019

Report presentato ad Ascoli nell'ambito del convegno "Immense olive. Le olive da mensa italiane DOP".
L'analisi evidenzia come per le olive ad Indicazione Geografica certificata vi siano enormi margini di crescita e che lo sviluppo di questo segmento di mercato sia slegato dal mercato delle olive da mensa in genere.
La presentazione mette in luce alcune caratteristiche peculiari della filiera e del mercato delle olive da mensa. In primo luogo, l'analisi degli scambi con l'estero evidenzia la dipendenza del nostro Paese dal prodotto di importazione, proveniente prevalentemente da Spagna e Grecia. Di conseguenza, il saldo della bilancia commerciale di questo prodotto Ŕ strutturalmente negativo e nel 2018 ha generato un passivo di circa 50 milioni di euro.
Un secondo elemento da porre in evidenza Ŕ la modesta entitÓ dei quantitativi di prodotto certificati con la DOP (Ascolana del Piceno, Oliva di Gaeta, Bella della Daunia e Nocellara del Belice). A ci˛ si aggiunga l'assenza di riconoscimento della denominazione per altre produzioni caratteristiche dei nostri territori, una per tutte l'oliva taggiasca che anche senza riconoscimento comunitario riscuote un ottimo successo commerciale.
Per quanto riguarda il mercato, le vendite al dettaglio attraverso ipermercati, supermercati e discount evidenziano due elementi molto importanti ed utili per impostare una efficace attivitÓ di marketing strategico. Il primo elemento Ŕ la concentrazione delle vendite nei mesi estivi e in occasione delle festivitÓ natalizie e pasquali. Il secondo elemento Ŕ l'utilizzo da parte della distribuzione al dettaglio della leva delle vendite promozionali per trainare gli acquisti e realizzare grandi volumi in periodi molto concentrati.
In conclusione, si sottolinea che per la valorizzazione delle olive italiane di qualitÓ Ŕ necessario metter da parte individualismi e competizioni tra produttori, industrie e territori e concentrarsi da un lato sulla formazione degli agricoltori e dall'altro sulla informazione e comunicazione al consumatore sia attraverso i canali della distribuzione moderna sia attraverso quelli della ristorazione ed in particolare dei bar dove si celebra il rito laico dell'aperitivo e dell'apericena.

Gli argomenti della presentazione:
1. Olive da mensa DOP
2. Scambi con l'estero
3. Acquisti di olive da mensa
4. Rafforzare la DOP

 
 

Ultime dal settore