1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Ismea Mercati
Contenuto della pagina

Report - Consumi

Report n°6/2021

Spesa del primo semestre 2021 ancora influenzata dalla pandemia

I primi sei mesi del 2021 sono stati ancora largamente influenzati dall'andamento della pandemia. I consumi domestici si attestano infatti su livelli analoghi a quelli dei primi sei mesi del 2020, superando quindi in ampia misura quelli dello stesso periodo del 2019.La spesa per i prodotti alimentari e le bevande nel complesso, dopo il +7,4% messo a segno nel 2020, a fronte del perdurare delle limitazioni per il contenimento della diffusione del virus, si mantiene su livelli elevati anche nel primo semestre 2021, registrando un lievissimo incremento (+0,1%) sul primo semestre 2020, attestandosi su livelli superiori del 9,6% rispetto al primo semestre di un'annata regolare come quella del 2019.

Nei primi sei mesi del 2021 l'atteggiamento dei consumatori nei confronti dell'acquisto di generi alimentari evidenzia una maggiore positivitÓ nelle aspettative per il futuro; l'allentamento e la sempre pi¨ probabile uscita dalle restrizioni dÓ nuovo slancio ai consumi favorendo in questo frangente quei prodotti di cui nei mesi passati ci si era maggiormente privati: volano gli acquisti di prodotti ittici, di aperitivi, di vini, e di birra.

In particolare, l'analisi dei dati del primo semestre 2021 evidenzia come si sia modificato progressivamente l'atteggiamento dei consumatori nei confronti del cibo rispetto al 2020. Si continua a mangiare di pi¨ a casa, questo Ŕ evidente, ma cambia di nuovo la composizione del carrello: emerge infatti un ridimensionamento dell'interesse per i prodotti conservabili (surgelati e scatolame) e un ritorno ai prodotti freschi sfusi anche altamente deperibili come il pesce fresco (+27%), un ridimensionamento dell'interesse per gli ingredienti base utilizzati per le preparazioni in casa, controbilanciato da una ulteriore forte crescita di  "prodotti ricompensa", soprattutto nel comparto delle bevande, dove la spesa Ŕ ulteriormente cresciuta (rispetto al 2020) del 7,7%.