1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Avicoli e uova

Homepage > Carni » Avicoli e uova » News e report » Ultime dal settore » 2022 » Tendenze Avicoli - n.1/2022 - Maggio 2022

Contenuto della pagina

Avicoli e uova  - Ultime dal settore

Tendenze avicoli

Roma, 6 giugno 2022

1. Contesto globale ed europeoNel 2021 la produzione europea si contrae del 1,9%. L'Europa resta comunque pi¨ che autosufficiente. Polonia maggior produttore (20%). Italia quinto produttore con quota dell'11%.

2. Situazione produttiva in Italia Dopo anni di crescita costante, la produzione italiana di carni avicole sembra essersi stabilizzata: -1% nel 2021 rispetto al 2020.

3. Andamento dei prezziDopo un 2020 pessimo e un inizio 2021 su toni fiacchi, si Ŕ registrata una buona ripresa a partire dall'estate, con una maggiore evidenza nella parte finale dell'anno. Il mercato all'origine del 2022 per il pollo Ŕ partito con prezzi superiori ad 1,50 euro/Kg per il vivo e si Ŕ progressivamente evoluto al rialzo fino a superare nel mese di aprile 1,82 €/Kg

4. Commercio esteroAumento degli scambi e miglioramento del saldo della bilancia commerciale, in attivo nel 2021 per oltre 220 milioni € (tra animali, carni e uova). L'export in volume delle carni avicole ha segnato un miglioramento dell'8,3% sul 2020

5. Acquisti domesticiIn sostanziale tenuta nel 2021 (-0,9% i volumi e +1% la spesa) dopo il +7,6% in volume e +9,9% in spesa del 2020. Nei primi mesi del 2022 gli acquisti domestici si sono riallineati ai livelli precovid con un ridimensionamento dei volumi (-10,6%) e un contestuale aumento della spesa (+4%).

6. ProspettiveNormalizzazione della domanda finale nazionale a seguito dell'allentamento delle misure restrittive e del ritorno alla precedente źnormalitÓ╗. La carne avicola resterÓ la preferita tra le carni. Aumento dei prezzi medi e diminuzione delle promozioni per trasferimento aumento costi su tutti gli anelli della filiera. Auspicabile per una maggiore capacitÓ di crescita del comparto sarÓ una normalizzazione dei costi dei prodotti della mangimistica e un efficace sfruttamento delle risorse finanziarie per lo stoccaggio, la logistica, la meccanizzazione e l'innovazione. 
Importanti strumenti per la prevenzione delle crisi sanitarie saranno il ricorso al fondo per la gestione del rischio e campagne vaccinali sperimentali per l'influenza aviaria.

 
 

 

Ultime dal settore