1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Ismea Mercati
Home > Ortofrutta > Frutta > News e report > Report > Tendenze Frutta n.2/2023 - Focus uva da tavola - settembre 2023
Contenuto della pagina

Tendenze - Frutta fresca

n 2/2023 - Settembre 2023

Focus Uva da tavola

Contesto europeoLa produzione europea di uva da tavola di quest'anno Ŕ quantitativamente molto limitata ma presenta un ottimo profilo qualitativo. Il mercato risente del contesto generale caratterizzato da inflazione e basso livello di fiducia delle famiglie europee. L'offerta appare in equilibrio con la domanda e le operazioni di raccolta si svolgono velocemente mano a mano che procedono le contrattazioni e, quindi, al momento poche partite sono destinate alla frigoconservazione e una campagna iniziata con circa due settimane di ritardo appare destinata a concludersi con qualche settimana di anticipo giÓ a fine ottobre. 

Situazione produttiva in ItaliaI dati previsionali di ISTAT indicano per l'Italia un'offerta di uva per il 2023 di circa 890 milioni di kg, con una flessione dell'8% su base annua e del 12% rispetto alla produzione media del triennio precedente. La percezione degli operatori Ŕ che la flessione sia ancora pi¨ consistente (intorno al 30%). Infatti, la riduzione delle superfici vitate e il clima hanno influito negativamente sulla quantitÓ prodotta ma non sulla qualitÓ organolettica delle uve che presentano una colorazione e un grado Brix ottimale.

Andamento dei prezziL'attuale campagna commerciale delle uve Ŕ caratterizzata da un'offerta limitata e da prezzi all'origine - ossia al cancello dell'azienda agricola - in forte rialzo sia rispetto al 2022 sia rispetto al prezzo medio del triennio 2020-2022, ma non mancano eccezioni per alcune varietÓ o alcune piazze che mostrano variazioni negative.

Commercio con l'esteroQuest'anno i flussi di prodotto in uscita dal nostro Paese sono attesi in contrazione rispetto a quelli degli ultimi anni a causa della riduzione dell'offerta ma i listini in forte aumento dovrebbero garantire l'aumento degli introiti per le esportazioni.

Acquisti domesticiI dati delle vendite al dettaglio di uve da tavola al 10 settembre 2023 indicano una netta flessione degli acquisti, pari a circa il 7% su base annua. Il rincaro del prezzo medio al dettaglio Ŕ del 19% e in conseguenza di ci˛ la spesa Ŕ cresciuta del 14% rispetto allo stesso periodo del 2022.

ProspettiveLa campagna 2023 dovrebbe concludersi con qualche settimana di anticipo rispetto alla norma. Infatti, in campo i tagli si avviano alla conclusione e le partite di uve stoccate nelle celle frigorifere sono quantitativamente limitate. A fronte di un'offerta contenuta, il profilo qualitativo del prodotto continua ad essere ottimo e ci˛ dovrebbe contribuire a mantenere le quotazioni all'origine su valori elevati. Le previsioni relative al saldo della bilancia commerciale delle uve da tavola sono ottimistiche, in quanto l'aumento del prezzo all'export dovrebbe compensare la flessione dei volumi spediti.

 
 

Ultimi rapporti pubblicati