1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Ismea Mercati
Home > Agroalimentare > News e report > Ultime dal settore > 2024 > Agroalimentare, le importazioni (+5,4%) corrono meno dell'export (+5,7%) nel 2023: migliora il disavanzo della bilancia commerciale.
Contenuto della pagina

Agroalimentare - Ultime dal settore

Agroalimentare, le importazioni (+5,4%) corrono meno dell'export (+5,7%) nel 2023: migliora il disavanzo della bilancia commerciale.

 
  • Panetteria e pasticceria spingono le vendite all'estero dei derivati dai cereali; bene la pasta che resta il secondo prodotto pi¨ esportato.
  • Crescono oltre confine anche ortofrutta, lattiero-caseari e olio di oliva.
  • Vino ancora al top, nonostante la battuta d'arresto del 2023.  
  • Germania, Francia e Stati Uniti restano i tre maggiori sbocchi commerciali (37% del totale), ma a correre sono soprattutto le esportazioni in Polonia e Romania.
 

Roma, 9 aprile 2024 

Il 2023 segna per l'agroalimentare italiano una riduzione di oltre il 12% del deficit della bilancia commerciale dovuta a una dinamica delle esportazioni pi¨ accelerata rispetto a quella dell'import, nel contesto di rientro delle tensioni inflazionistiche sui prezzi delle materie prime agricole, di cui l'Italia Ŕ un grosso utilizzatore.   Le esportazioni agroalimentari, l'anno scorso, hanno messo a segno un nuovo record, portandosi a 64 miliardi di euro, con un +5,7 % sul 2022. Per 55,3 miliardi di euro, le vendite sono riconducibili a bevande e alimenti trasformati (+5,8%), a cui si aggiungono 8,8 miliardi di esportazioni di prodotti agricoli (+5,5%).

Gli alti prezzi delle commodity agricole, seppure in calo dopo le tensioni del 2022, hanno continuato a sostenere le importazioni agroalimentari, il cui valore ha superato i 65 miliardi di euro (+5,4% su base annua); di questi, 43,3 miliardi si devono ai trasformati industriali (+6,9%) e quasi 22 miliardi ai prodotti primari (+2,6%).
 Questi andamenti, in termini di saldo commerciale, hanno comportato un disavanzo di 889 milioni di euro nel 2023, con una riduzione di 126 milioni rispetto all'anno precedente.  

Germania, Francia e Stati Uniti
si confermano i tre maggiori sbocchi commerciali, con il 37% delle vendite complessive, anche se a spingere i fatturati all'estero sono stati soprattutto Polonia (+15,5%), Romania (+17,3%), Croazia (+18,2%) e Austria (11%). Al contrario, l'agroalimentare italiano ha segnato una battuta d'arresto in mercati, altrettanto significativi, quali Giappone, Canada e Repubblica Ceca.

Vini e spumanti
, pasta e prodotti della pasticceria e panetteria restano le categorie pi¨ esportate, seguite dal caffŔ torrefatto e dai formaggi stagionati.
 

I maggiori fornitori, per quanto attiene alle importazioni, sono Germania, Francia, Stati Uniti, Paesi Bassi e Polonia, con quasi il 50% di incidenza sul totale.
 Il caffŔ (non torrefatto) Ŕ il prodotto che ha generato l'anno scorso il maggiore esborso su fronte delle importazioni, seguito da olio extravergine di oliva (di cui l'Italia Ŕ anche un grosso esportatore), mais, bovini vivi e tagli suini destinati alla lavorazione industriale.

Sono dati che confermano l'importanza del ruolo di trasformatore dell'Italia nell'agroalimentare, con il settore agricolo, tuttavia, che oltre a garantire all'industria nazionale materie prime e prodotti di qualitÓ, contribuisce a rafforzare le esportazioni, grazie soprattutto al prestigio e alla rilevanza economica del comparto ortofrutticolo.
   


 

Ultime dal settore