1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Ismea Mercati
Home > Agroalimentare > News e report > Ultime dal settore > 2012 > La bilancia commerciale agroalimentare italiana: stime per il periodo gennaio - settembre 2012
Contenuto della pagina

Agroalimentare - Ultime dal settore

La bilancia commerciale agroalimentare italiana: stime per il periodo gennaio - settembre 2012

Roma, 9 agosto 2012

In linea con le dinamiche emerse a consuntivo, le stime Ismea su dati Istat relative ai primi nove mesi del 2012 indicano un aumento delle esportazioni in valore di prodotti agroalimentari (+3,9%) imputabile alla crescita della domanda estera di prodotti dell'industria alimentare. Dovrebbe, invece, contrarsi l'export di prodotti agricoli. La crescita delle esportazioni Ŕ prevista per i settori dell'agroalimentare "vino e mosti", "latte e derivati" e "animali e carni". In contrazione risulterebbe invece soprattutto l'export di pesci, molluschi e crostacei, seguito da quelli di prodotti del florovivaismo, frutta fresca e trasformata e oli e grassi.

Al contrario tra gennaio e settembre 2012 le importazioni agroalimentari in valore dovrebbero registrare una riduzione su base tendenziale (-3,5%) attribuibile quasi esclusivamente ai prodotti dell'agricoltura, in quanto l'import di prodotti lavorati dovrebbe rimanere pressochÚ invariato. "Vino e mosti" Ŕ l'unico settore per cui Ŕ stimato un incremento delle importazioni, in linea con la dinamica a consuntivo registrata nei primi quattro mesi del 2012, mentre per "cereali, riso e derivati" si prevede una consistente riduzione dei valori monetari importati. Riduzioni rilevanti delle importazioni riguarderebbero anche ortaggi freschi e trasformati, prodotti del florovivaismo, oli e grassi e pesci, molluschi e crostacei.

 

Ultime dal settore